Approfondimento dello Studio Legale

Categoria: Condominio

Alla domanda non può che rispondersi negativamente in quanto, per giurisprudenza pacifica, l'amministratore può agire senza delibera assembleare che autorizzi a promuovere un giudizio e a resistervi solo allorquando si tratti di "conservare" la cosa comune.
Qualora viceversa si tratti di un'azione relativa all'accertamento e/o alla declaratoria della titolarità di un bene pendente tra un terzo (o un singolo condomino) e l'intero condominio sarà necessaria la previa autorizzazione assembleare ex art. 1131, comma 1, c.c., adottata a maggioranza qualificata di cui all'art. 1136 c.c..


Altri risultati nella categoria Condominio

Condominio

Villette a schiera: c'è il condominio?

Corte di Cassazione, Sez. IV, 31 luglio 2014 n. 4043

Condominio

Abuso su area condominiale: il condomino può sanare?

Consiglio di Stato, Sez. IV, 25 settembre 2014 n. 4818

Condominio

Azione reale e legittimazione dell'amministratore

04 marzo 2015 - Avv. Nicolò Marella

Condominio

L'amministratore superficiale può essere revocato?

19 dicembre 2014 - Avv. Nicolò Marella

Condominio

All'assemblea possono partecipare estranei delegati da altri condomini?

19 dicembre 2014 - Avv. Nicolò Marella