Tribunale di Roma n. 25677 del 24 dicembre 2015

Categoria: Condominio

Avv. Nicolò Marella

Con la sentenza del 24 dicembre scorso il Tribunale romano ribadisce l'orientamento di merito degli ultimi anni e ritiene non applicabile nella fattispecie la ripartizione di spesa dell'art. 1126 c.c., condannando così il solo condomino proprietario del giardino di copertura di vari box interessati dal fenomeno infiltrativo ai sensi dell'art. 2051 c.c., e non anche il Condominio, in quanto la causa della dannosità della struttura dipendeva da fatti imputabili al solo condomino proprietario esclusivo.

Viene dunque superato, nel caso di specie, il generale principio dell'art. 1126 c.c. secondo il quale, quando il lastrico copre una pluralità di immobili facenti parte di un edificio condominiale, pur appartenendo ad un solo condomino, all'obbligo di provvedere alla sua riparazione o alla sua ricostruzione sono tenuti tutti i condomini in concorso con il proprietario superficiario o con il titolare del diritto di uso esclusivo, e dei danni cagionati all'appartamento sottostante per le infiltrazioni d'acqua provenienti dal lastrico deteriorato per difetto di manutenzione, rispondono tutti gli obbligati, inadempienti alla funzione di conservazione (Cass. n. 18164 del 2014).

Si legge nella sentenza che la responsabilità ex art. 2051 c.c., come responsabilità da custodia delle res dannose, sussiste a titolo oggettivo per il solo fatto del nesso di causalità tra res custodita e danni determinatisi (cfr. Cass. n. 2660 del 2013), salvo prova del fortuito, che deve costituire un fattore estraneo alla sfera di custodia, avente impulso causale autonomo e carattere di imprevedibilità e di assoluta eccezionalità (cfr. Cass. n. 20619 del 2014).

Per altro verso, va ricordato che la posizione di custodia postula la titolarità di un effettivo potere su una res, inteso come disponibilità materiale e giuridica della stessa (cfr. Cass. n. 15096 del 2013, Cass. n. 1948 del 2003), e deve dunque ritenersi, per converso, che la ricorrenza di tale potere implica la posizione di custodia; ciò tenuto anche conto che quest'ultima rileva - ai fini della responsabilità ex art. 2051 c.c. - in quanto il soggetto che si trova in relazione di custodia con la res versa nelle condizioni di poter controllare i rischi inerenti alla cosa stessa (cfr. Cass n. 24330 del 2009).


Altri risultati nella categoria Condominio

Condominio

Telecamera in condominio: può riprendere anche pianerottolo e scale

Corte di Cassazione, Sez. V, 12 luglio 2017 n. 34151

Condominio

Documentazione contabile: l'amministratore deve sempre metterla a disposizione

Corte di Cassazione, Sez. VI, Ord. 25 giugno 2018 n. 16677

Condominio

Giardino condominiale: è un diritto del condomino accedervi con il cane

Tribunale di Roma, 03 aprile 2017 n. 6659

Condominio

Modifica tabelle millesimali: non serve l'unanimità

Corte di Cassazione, Sez. II, 26 luglio 2018 n. 19838

Condominio

Amministratore. Responsabilità. Inosservanza regolamento. Revoca

Tribunale di Milano, n. 955 del 28.03.2018

Condominio

Estraneo in assemblea. Delibera invalida?

Corte di Cassazione, Sez. II, 30.11.2017 n. 28763

Condominio

Convocazione assembleare: natura e termine di ricezione

Corte di Cassazione, Sez. II, 06.10.2017 n. 23396

Condominio

Decoro e aspetto architettonico. Differenze. Sopraelevazione

Corte di Cassazione, Sez. VI, 25.08.2016 n. 17350

Condominio

Sentenza sfavorevole al Condominio. Il condomino può impugnare da solo

Corte di Cassazione, Sez. II, 16.12.2015 n. 25288

Condominio

Opposizione a decreto ingiuntivo e delibera nulla

Corte di Cassazione, Sez.II, 12.01.2016 n. 305

Condominio

Decoro architettonico: il regolamento può prevedere qualcosa di specifico

Corte di Cassazione, Sez. II, 18.05.2016 n. 10727

Condominio

Lastrico/terrazzo esclusivo e infiltrazioni. Le Sezioni Unite chiariscono

Corte di Cassazione, Sezioni Unite, 10 maggio 2016 n. 9449

Condominio

Parcheggio: l'uso turnario non può essere impedito

Tribunale di Roma, n. 319 del 10 gennaio 2016.

Condominio

Infiltrazioni in condominio da terrazzo/lastrico esclusivo

Corte di Cassazione, SS.UU., 10 maggio 2016 n. 9449

Condominio

Infiltrazioni lastrico solare/terrazzo e spese

Avv. Nicolò Marella - Tribunale di Napoli, 11.01.2016 n. 224

Condominio

Infiltrazioni da terrazza esclusiva: si applica l’art. 1125 e non il 1126

Tribunale di Roma, Sez. VII, 02.01.2015

Condominio

Bilancio inverosimile e poco credibile. La delibera va annullata

Tribunale di Roma, 07 gennaio 2016 n. 104

Condominio

Sentenza sfavorevole contro il condominio? Il singolo condomino può impugnare

Corte di Cassazione, Sez. II, 06.08.2015 n. 16562