T.A.R. Sardegna, aprile 2020

Categoria: Covid-19

Roma 12 maggio 2020 - Avv. Nicolò Marella

E' legittima l'ordinanza con cui i Sindaci delle città italiane limitano la libertà di circolazione dei cittadini?

Questa è la domanda che in questo periodo di straordinaria emergenza sanitaria in molti si sono posti, e la riposta affermativa l'ha fornita il T.A.R. cagliaritano, ricordando che “per la prima volta dal dopoguerra, si sono definite ed applicate disposizioni fortemente compressive di diritti anche fondamentali della persona - dal libero movimento, al lavoro, alla privacy - in nome di un valore di ancor più primario e generale rango costituzionale, la salute pubblica.

E così, non è irragionevole la scelta di limitare il numero delle volte in cui può essere consentito al cittadino di recarsi in esercizi commerciali per l’approvvigionamento dei necessari beni alimentari.

Trattasi di provvedimenti sindacali che, in fin dei conti, rendono più stringenti alcune delle misure prese a livello nazionale e regionale con il dichiarato fine di evitare che il contagio nell’ambito comunale possa diffondersi attraverso comportamenti delle persone non in linea con l’obiettivo di limitare al massimo gli spostamenti e le uscite dalla propria abitazione.


Altri risultati nella categoria Covid-19