Consiglio di Stato, Sez. IV, 18.06.2019 n. 4133

Categoria: Diritto amministrativo

Nel rigettare l'appello proposto da un Comune avverso la sentenza del T.A.R. Puglia con il quale era stato accolto il ricorso di un cittadino (vistosi annullare il condono edilizio), il Consiglio di Stato ha ribadito i presupposti per l'annullamento in autotutela.

I principi in materia di autotutela si fondano sulla valutazione dell’attualità e la rilevanza dell’interesse pubblico all’eliminazione del provvedimento di sanatoria rilasciato.

Va infatti ricordato che la disciplina dell’autotutela di cui all’art. 21-nonies della legge n. 241 del 1990, non consente di non motivare puntualmente in ordine allo stesso interesse pubblico, anche evidenziando all’interessato gli elementi che spingono all’adozione dell’atto di ritiro (circostanza non avvenuta nel caso di specie – cfr. Cons. Stato, sez.IV, 4 marzo 2014, n. 1018).

Sul punto, l'Adunanza plenaria del Consiglio di Stato (sentenza 17 ottobre 2017, n. 8) ha infatti escluso che sussista ex se l'interesse pubblico al ripristino, mediante l’esercizio del potere di autotutela, della legalità violata per effetto del rilascio di un titolo edilizio illegittimo, dovendo al contrario sempre essere espressamente circostanziato.

Nell’applicazione di tali principi, è stato quindi rilevato da questa Sezione che i "presupposti dell'esercizio del potere di annullamento d'ufficio dei titoli edilizi sono costituiti dall'originaria illegittimità del provvedimento, dall'interesse pubblico concreto ed attuale alla sua rimozione (diverso dal mero ripristino della legalità violata), tenuto conto anche delle posizioni giuridiche soggettive consolidate in capo ai destinatari; l'esercizio del potere di autotutela è dunque espressione di una rilevante discrezionalità che non esime, tuttavia, l'Amministrazione dal dare conto, sia pure sinteticamente, della sussistenza dei menzionati presupposti e l'ambito di motivazione esigibile è integrato dall'allegazione del vizio che inficia il titolo edilizio, dovendosi tenere conto, per il resto, del particolare atteggiarsi dell'interesse pubblico in materia di tutela del territorio e dei valori che su di esso insistono, che possono indubbiamente essere prevalenti, se spiegati, rispetto a quelli contrapposti dei privati, nonchè dall'eventuale negligenza o malafede del privato che ha indotto in errore l'Amministrazione" (cfr. Cons. Stato, sez. IV, 29 marzo 2018, n. 1991).


Altri risultati nella categoria Diritto amministrativo

Diritto amministrativo

Annullamento in autotutela? Va sempre motivato e non è sufficiente il ripristino della legalità violata

Consiglio di Stato, Sez. IV, 18.06.2019 n. 4133

Diritto amministrativo

Scuola: il genitore ha sempre il diritto di accedere agli atti riguardanti il figlio

T.A.R. Lazio, Sez. II bis, 19 giugno 2018 n. 6849

Diritto amministrativo

Il risarcimento dei danni in capo alla Pubblica Amministrazione

Consiglio di Stato, Sez. VI, 06 marzo 2018 n. 1457

Diritto amministrativo

Permesso di costruire: non può essere sottoposto a condizione

Consiglio di Stato, Sez. IV, 19 aprile 2018 n. 2366

Diritto amministrativo

Troppe assenze? L'alunno non va sempre bocciato

T.A.R Puglia, Lecce, Sez. II, 25 maggio 2018 n. 899

Diritto amministrativo

Ritardo nella conclusione del procedimento e danno risarcibile

T.A.R. Campania, Sez. V, 4 luglio 2018 n. 4438

Diritto amministrativo

Accesso agli atti e ruolo del Giudice

T.A.R. Puglia, bari, Sez. III, 29.01.2018 n. 118

Diritto amministrativo

Autorizzazione commerciale e rapporto con la situazione edilizia

T.A.R. Lazio, Roma, Sez. II-ter, 25.09.2015 n. 11401

Diritto amministrativo

Annullamento S.C.I.A. dopo 30 o 60 giorni. Autotutela. Condizioni

T.A.R. Lombardia, Sez. II, 18.02.2016 n. 355

Diritto amministrativo

Annullamento in autotutela dopo anni. Illegittimità

T.A.R. Lazio, Sez. II-quater, 14.03.2016 n. 3177

Diritto amministrativo

Regolamento edilizio. Impugnazione. Tardività

T.A.R Campania, Salerno, Sez. II, 31.08.2016 n. 2037

Diritto amministrativo

Annullamento permesso di costruire, tempo trascorso e procedimento penale per abuso edilizio

T.A.R. Calabria, Sez. I, 17.12.2015 n. 1275

Diritto amministrativo

Annullamento ppermesso di costruire dopo 15 anni. Affidament

T.A.R. Lazio, Sez. II quater, 14 marzo 2016 n. 3177

Diritto amministrativo

Danno da ritardo: deve ritenersi provata la colpa della P.A. che non giustifica le ragioni del ritardo

Consiglio di Stato, Sez. V., 25 marzo 2016, n. 1239

Diritto amministrativo

Istanza del privato: la P.A. ha l'obbligo di rispondere (salvo si tratti di silenzio qualificato)

T.A.R. Lazio, Roma, 4 gennaio 2016, n. 43

Diritto amministrativo

DJ e musica: al bar non serve l’autorizzazione

T.A.R. Puglia, Lecce, 05.11.2015 n. 3171

Diritto amministrativo

Atto d'obbligo ed esecuzione ex art. 2932 c.c.: il diritto della P.A. si prescrive in 10 anni!

Tar Puglia, Bari, Sez. III, 25.02.2015 n. 356

Diritto amministrativo

Silenzio-assenso: valido anche se l'istanza non è conforme alla legge

T.A.R. Lombardia, Sez. I, 20.02.2015 n. 521

Diritto amministrativo

Studenti europei: niente test di ammissione per chi è già iscritto in facoltà europee

Consiglio di Stato, Adunanza Plenaria, 28 gennaio 2015 n. 1

Diritto amministrativo

Il coniuge ha diritto di accedere alla cartella clinica. Casa di cura equiparata a P.A.

T.A.R. Lazio, Sez. III Quater, 15.12.2014 n. 12583