T.A.R. Lazio, Sez. II bis, 19 giugno 2018 n. 6849

Categoria: Diritto amministrativo

I genitori di alunni minori sono titolari di un interesse qualificato a prendere visione degli atti relativi alle varie fasi di svolgimento dell'attività scolastica dei figli, purché aventi una diretta relazione con gli studi da questi compiuti e suscettibili di produrre effetti nella loro sfera di interessi.

Con questo principio il T.A.R. Lazio ha accolto il ricorso di una madre che si era vista denegare l'accesso agli atti scolastici della figlia da parte del dirigente scolastico del Liceo Giulio Cesare di Roma.

La richiesta di accesso ineriva alle prove in classe - e relative annotazioni - svolte dalla figlia in varie discipline nelle quali aveva riportato insufficienze nei giudizi e il diniego è stato fondamentalmente ancorato alle seguenti motivazioni: l’accesso ai documenti è consentito solo a conclusione del processo di valutazione; gli elaborati degli studenti vengono offerti in visione ai genitori dagli insegnanti nel corso dei colloqui infra annuali; l’esito dei compiti è visionabile sul sito web della scuola mediante impiego delle credenziali d’accesso.

Non va dimenticato che la pretesa di un genitore di ottenere copia dei compiti svolti dal figlio e delle relative annotazioni valutative operate dai docenti, è funzionale all’obiettivo educativo di prendere contezza delle carenze nell’apprendimento e nel processo cognitivo del figlio, constatare quali possano essere le lacune culturali onde predisporre eventuali percorsi privati di sostegno e recupero scolastico.

Genitore separato

Anche il genitore separato, quantunque in ipotesi non affidatario dei figli, ha diritto di prendere visione ed estrarre copia degli atti concernenti il percorso scolastico dei figli, senza che la spettanza di tale diritto sia subordinata ad autorizzazione o altro atto di assenso del Tribunale ordinario competente in sede id adozione di provvedimenti riguardanti i figli.

La qualità di genitore, anche se non affidatario del figlio in seguito alla separazione con l'altro coniuge, conferisce il diritto ad accedere alle informazioni relative alla frequenza del proprio figlio nella scuola (riguardanti, nella specie, il numero ed i motivi delle assenze, il numero dei pasti consumati e l'avvenuta - o meno - preiscrizione all'anno scolastico successivo).

Tale diritto non è condizionato ad un'eventuale autorizzazione da parte del tribunale, dal momento che la stessa veste di genitore legittima ad esercitare il diritto-dovere di vigilanza sull'educazione, sull'istruzione e sulle condizioni di vita del figlio anche attraverso la verifica delle concrete modalità d'inserimento nella scuola dallo stesso frequentata.


Altri risultati nella categoria Diritto amministrativo

Diritto amministrativo

Scuola: il genitore ha sempre il diritto di accedere agli atti riguardanti il figlio

T.A.R. Lazio, Sez. II bis, 19 giugno 2018 n. 6849

Diritto amministrativo

Il risarcimento dei danni in capo alla Pubblica Amministrazione

Consiglio di Stato, Sez. VI, 06 marzo 2018 n. 1457

Diritto amministrativo

Permesso di costruire: non può essere sottoposto a condizione

Consiglio di Stato, Sez. IV, 19 aprile 2018 n. 2366

Diritto amministrativo

Troppe assenze? L'alunno non va sempre bocciato

T.A.R Puglia, Lecce, Sez. II, 25 maggio 2018 n. 899

Diritto amministrativo

Ritardo nella conclusione del procedimento e danno risarcibile

T.A.R. Campania, Sez. V, 4 luglio 2018 n. 4438

Diritto amministrativo

Accesso agli atti e ruolo del Giudice

T.A.R. Puglia, bari, Sez. III, 29.01.2018 n. 118

Diritto amministrativo

Autorizzazione commerciale e rapporto con la situazione edilizia

T.A.R. Lazio, Roma, Sez. II-ter, 25.09.2015 n. 11401

Diritto amministrativo

Annullamento S.C.I.A. dopo 30 o 60 giorni. Autotutela. Condizioni

T.A.R. Lombardia, Sez. II, 18.02.2016 n. 355

Diritto amministrativo

Annullamento in autotutela dopo anni. Illegittimità

T.A.R. Lazio, Sez. II-quater, 14.03.2016 n. 3177

Diritto amministrativo

Regolamento edilizio. Impugnazione. Tardività

T.A.R Campania, Salerno, Sez. II, 31.08.2016 n. 2037

Diritto amministrativo

Annullamento permesso di costruire, tempo trascorso e procedimento penale per abuso edilizio

T.A.R. Calabria, Sez. I, 17.12.2015 n. 1275

Diritto amministrativo

Annullamento ppermesso di costruire dopo 15 anni. Affidament

T.A.R. Lazio, Sez. II quater, 14 marzo 2016 n. 3177

Diritto amministrativo

Danno da ritardo: deve ritenersi provata la colpa della P.A. che non giustifica le ragioni del ritardo

Consiglio di Stato, Sez. V., 25 marzo 2016, n. 1239

Diritto amministrativo

Istanza del privato: la P.A. ha l'obbligo di rispondere (salvo si tratti di silenzio qualificato)

T.A.R. Lazio, Roma, 4 gennaio 2016, n. 43

Diritto amministrativo

DJ e musica: al bar non serve l’autorizzazione

T.A.R. Puglia, Lecce, 05.11.2015 n. 3171

Diritto amministrativo

Atto d'obbligo ed esecuzione ex art. 2932 c.c.: il diritto della P.A. si prescrive in 10 anni!

Tar Puglia, Bari, Sez. III, 25.02.2015 n. 356

Diritto amministrativo

Silenzio-assenso: valido anche se l'istanza non è conforme alla legge

T.A.R. Lombardia, Sez. I, 20.02.2015 n. 521

Diritto amministrativo

Studenti europei: niente test di ammissione per chi è già iscritto in facoltà europee

Consiglio di Stato, Adunanza Plenaria, 28 gennaio 2015 n. 1

Diritto amministrativo

Il coniuge ha diritto di accedere alla cartella clinica. Casa di cura equiparata a P.A.

T.A.R. Lazio, Sez. III Quater, 15.12.2014 n. 12583

Diritto amministrativo

Allegato PEC non visionabile: è la P.A. che deve allertare il mittente

T.A.R. Friuli Venezia Giulia, Sez. I, 03.12.2014 n. 610