Corte di Cassazione, Sez. III, 08 gennaio 2019 n. 372

Categoria: Diritto penale

Con la sentenza in rassegna la Cassazione ha mandato assolto un imputato dal reato di interferenze illecite nella vita privata per essere stato sorpreso ad osservare la vicina che, nella propria abitazione, era intenta a docciarsi.

Sul punto gli ermellini precisano che la vicina si mostrava nuda pur sapendo che la propria abitazione fosse priva di tende, sicché in casi come quello in esame (dove peraltro l'imputato non ha utilizzato alcun accorgimento per fotografare e filmare la persona offesa) deve escludersi la configurabilità del reato di interferenza illecita nella vita privata non essendo stati ripresi comportamenti della vita privata sottratti alla normale osservazione dall'esterno.

La tutela del domicilio è limitata a ciò che si compie nei luoghi di privata dimora in condizioni tali da renderlo tendenzialmente non visibile a terzi, donde se l'azione, pur svolgendosi in luoghi di privata dimora, può essere liberamente osservata dagli estranei, senza ricorrere a particolari accorgimenti, non si configura una lesione della riservatezza del titolare del domicilio.

Ma quand'anche l'imputato avesse filmato, in ogni caso il reato non sarebbe stato integrato, perché l'azione, pur svolgendosi in luoghi di privata dimora, poteva essere liberamente osservata dagli estranei senza ricorrere a particolari accorgimenti.


Altri risultati nella categoria Diritto penale

Diritto penale

Guardare in casa del vicino non sempre è reato

Corte di Cassazione, Sez. III, 08 gennaio 2019 n. 372

Diritto penale

Bottiglie di acqua esposte al sole: venderle è reato

Corte di Cassazione, Sez. III, 28 agosto 2018 n. 39037

Diritto penale

Niente carcere per condanne sotto i 4 anni

Corte Costituzionale, 02 marzo 2018 41

Diritto penale

Medico di base: risponde se sottovaluta il dolore del paziente

Corte di Cassazione, Sez. IV, 26 gennaio 2018 n. 3869

Diritto penale

Furto in ora notturna: scatta l'aggravante

Corte di Cassazione, Sez. V, 09 maggio 2018 n. 20480

Diritto penale

Stalking: la gelosia è un motivo futile che fa scattare l'aggravante

Corte di Cassazione, Sez. V, 17 luglio 2018 n. 33127

Diritto penale

Prodotti surgelati: reato non specificarlo nel menù

Corte di Cassazione, Sez. III, 17 luglio 2017 n. 34783

Diritto penale

Registrare una conversazione di nascosto è lecito

Corte di Cassazione, Sez. II, 10.06.2016 n. 24288

Diritto penale

Clienti rumorosi. Condannato il proprietario di un pub per disturbo della quiete pubblica

Corte di Cassazione, Sez. III, n. 12967/2015

Diritto penale

Stalking: non è sufficiente un solo evento, anche se grave

Corte di Cassazione, Sez. V, 14 maggio 2015 n. 20065

Diritto penale

Il cane urina sugli angoli delle proprietà altrui? Sarebbe reato, ma la Cassazione fornisce il vademecum

Corte di Cassazione, II Sez. Penale, 12.02.2015 n. 7082

Diritto penale

Locale troppo rumoroso e riposo difficile? Condannato il titolare

Corte di Cassazione, Sez. III Penale, 15.07.2014 n. 41992

Diritto penale

Facebook: è reato scrivere commenti poco educati sulle bacheche e foto altrui

Corte di Cassazione, Sez. I, 12 settembre 2014 n. 37596

Diritto penale

Compravendita immobiliare: se il venditore nasconde la non abitabilità è truffa

Corte di Cassazione, Sez. II, 14.07.2014 n. 30886

Diritto penale

Abbandonare la carcasse della propria auto nel cortile condominiale è reato

Corte di Cassazione, Sez. III penale, 19.05.2014 n. 20492

Diritto penale

Mancata assistenza economica al figlio - Non é reato se saltuaria

Corte di Cassazione, Sez. VI penale, 28 agosto 2012 n. 33319

Diritto penale

Reato sessuale - Genitori che consentono alla figlia di intrattenersi con un adulto

Corte di Cassazione, Sez. III, 31 agosto 2012 n. 33562

Diritto penale

Violenza sessuale sull'autobus: é sufficiente un contatto fugace

Corte di Cassazione, Sez. III penale, 4 ottobre 2012 n. 38719

Diritto penale

Investigatore privato che riprende ciò che avviene in casa é reato

Corte di Cassazione, Sez. V penale, 19 ottobre 2012 n. 41021

Diritto penale

Reato edilizio - Il permesso di costruire non esclude l'illecito penale

Corte di Cassazione, Sez. III Penale, 29 maggio 2012 n. 20673