Corte di Cassazione, Sez. II, 06 settembre 2011 n. 18262

Categoria: Immissioni

Le immissioni nocive che superino la normale tollerabilità giustificano la richiesta di rimozione della canna fumaria, in particolare se questa è posta ad una distanza inferiore rispetto a quella minima prevista dal regolamento edilizio comunale.
In sostanza, se la canna fumaria che emette immissioni nocive è inserita in un immobile appartenente a due coniugi non in comunione legale, sussiste la legittimazione passiva degli utilizzatori della canna fumaria ex art. 2043 c.c. quali autori di un fatto illecito e non come proprietari del bene.


Altri risultati nella categoria Immissioni

Immissioni

Locale rumoroso e sospensione dell’attività

T.A.R. Veneto, Sez. III, 15 giugno 2016 n. 644

Immissioni

Immissioni illecite anche se rispettano i limiti di legge

Corte di Cassazione, Sez. II, 12.05.2015 n. 9660

Immissioni

Immissioni - Normale tollerabilità - Canna fumaria

Corte di Cassazione, Sez. II, 06 settembre 2011 n. 18262

Immissioni

Immissioni - Normale tollerabilità - Valutazione - Legislazione speciale

Corte di Cassazione, Sez. II, 17 gennaio 2011 n. 939

Immissioni

Immissioni - Violazione limiti normale tollerabilità - Criterio di valutazione

Tribunale Roma, Sez. V, 16 febbraio 2011 n. 3210