Corte di Cassazione, Sez. Lav., 13 gennaio 2012 n. 392

Categoria: Lavoro

In tema di contratto a tempo determinato nel pubblico impiego privatizzato, la disciplina di cui all'art. 36 d.lg. 165/2001, pur escludendo, in caso di violazione di norme imperative in materia, la conversione in contratto a tempo indeterminato, introduce un proprio e specifico regime sanzionatorio con una accentuata responsabilizzazione del dirigente pubblico e il riconoscimento del diritto al risarcimento dei danni subiti dal lavoratore e, pertanto è speciale ed alternativa rispetto alla disciplina di cui all'art. 5 d.lg. 368/2001, ma pur sempre adeguata alla direttiva 1999/70/Ce, in quanto idonea a prevenire e sanzionare l'utilizzo abusivo dei contratti a termine da parte della p.a..
Il d.lg. 30 marzo 2001 n. 165 art. 36, nel riconoscere il ricorso al contratto a termine e ad altre forme negoziali flessibili nel rapporto di lavoro pubblico, ha valorizzato il ruolo della contrattazione collettiva con l'attribuire alla stessa una più accentuata rilevanza rispetto al passato, ma nello stesso tempo ha rimarcato l'innegabile differenza esistente tra forme contrattuali nell'area del pubblico impiego seppure privatizzato ed in quella del lavoro privato.
Ne consegue che la suddetta norma si configura come speciale in ragione di un proprio e specifico regime sanzionatorio, che - per escludere la conversione in un contratto a tempo indeterminato e con il risultare funzionalizzato a responsabilizzare la dirigenza pubblica nel rispetto delle norme imperative in materia nonché a risarcire i danni che il lavoratore dimostri di avere subito per la violazione delle suddette norme - risulta alternativo a quello disciplinato dal d.lg. 6 settembre 2001 n. 368, art. 5, escludendone in ogni caso l'applicazione.
La giurisprudenza costante della Corte di giustizia europea-di recente ribadita da una ulteriore pronunzia (C. giust. 1 ottobre 2010, causa C-3/10, Affatato) - porta ad escludere nell'area del pubblico impiego seppure privatizzato l'applicazione del d.lg. 30 marzo 2001 n. 368, art. 5, dal momento che nel nostro assetto ordinamentale si rinviene, con le disposizioni di cui al d.lg. 5 settembre 2001 n. 165, art. 36, un sistema sanzionatorio capace - in ragione di una più accentuata responsabilizzazione dei dirigenti pubblici e del riconoscimento del diritto al risarcimento di tutti i danni in concreto subiti dal lavoratore - di prevenire, dapprima, e sanzionare, poi, in forma adeguata l'utilizzo abusivo da parte della pubblica amministrazione dei contratti o dei rapporti di lavoro a tempo determinato.


Altri risultati nella categoria Lavoro

Lavoro

Assenza ingiustificata? Non si tratta in ogni caso di dimissioni tacite

Corte di Cassazione, Sez. Lavoro, 21.01.2015 n. 1025

Lavoro

Lavoro autonomo o subordinato? Conta l’effettiva attività svolta

Corte di Cassazione, Sez. Lavoro, 21 ottobre 2014 n. 22289

Lavoro

Il lavoratore può registrare le conversazioni con il datore di lavoro ed utilizzarle

Corte di Cassazione, Sez. Lavoro, 19 dicembre 2014 n. 27424

Lavoro

Concorsi pubblici: il limiti di età per l'accesso è anti-europeo

Corte di Giustizia Europea, Sez. II, 13.11.2014 n. C-416/13

Lavoro

Se la P.A. non scorre la graduatoria e indice nuovo concorso è competente il T.A.R.

Corte di Cassazione, Sezioni Unite, 03.02.2014 n. 2290

Lavoro

Utilizzo prolungato del cellulare - Patologia tumorale - Piena tutela del prestatore

Corte di Cassazione, Sez. Lavoro, 12 ottobre 2012 n. 17438

Lavoro

Licenziamento - Un solo "vaffa" al capo non legittima il licenziamento

Corte di Cassazione, Sez. Lav., 22 giugno 2012 n. 10426

Lavoro

Contratti di lavoro a tempo determinato - Protrazione - Trasformazione in indeterminato

Corte di giustizia, Sez. VI, 8 marzo 2012 n. C-251/11

Lavoro

Superminimo - Una volta concesso, rientra nella retribuzione globale

Corte di Cassazione, Sez. Lav., 5 giugno 2012 n. 9011

Lavoro

Lavoro straordinario - Prestazione in maniera fissa e continuativa - Conseguenze

Corte di Cassazione, Sez. Lav., 6 aprile 2012 n. 5595

Lavoro

Licenziamento - Fermato con una "canna" al di fuori dell'orario di lavoro - Legittimità

Corte di Cassazione, Sez. Lav., 26 aprile 2012 n. 6498

Lavoro

Licenziamento assenza ingiustificata - Illegittimo se il lavoratore ha avvisato via mail

Corte di Cassazione, Sez. Lav., 18 maggio 2012 n. 7863

Lavoro

Pubblico impiego - Mobilità all'interno della P.A. - Giurisdizione

Consiglio di Stato, Sez. V, 12 settembre 2011 n. 5085