T.A.R. Sardegna, Sez. II, 25 novembre 2011 n. 1132

Categoria: Urbanistica

Di estremo interesse la sentenza che ci accingiamo a relazionare, avente ad oggetto la concessione in sanatoria (Art. 36 d.P.R. n. 380/2001) o anche conosciuta, in modo più tecnico, con l'espressione di accertamento di conformità.
Nella specie i giudici amministrativi si sono soffermati sul dovere di motivazione del rifiuto di cui all'ultimo comma della richiamata disposizione, in combinato disposto con l'art. 3 legge n. 241/1990, specificando altresì come la carenza motivazionale non possa trovare soluzione in ambito processuale.
In altri termini, l'amministrazione non può motivare il provvedimento di diniego dinanzi al giudice, quando avrebbe potuto farlo in maniera del tutto opportuna in sede di iter procedimentale.
Sulla scorta delle argomentazioni che precedono é illegittimo, per difetto di motivazione, il diniego di un accertamento di conformità che non indichi i concreti elementi ostativi all'accoglimento della domanda: l'amministrazione, infatti, è tenuta ad illustrare nel provvedimento i presupposti di fatto e le motivazioni giuridiche sulle quali si fonda l'esercizio del potere, in relazione alle risultanze dell'istruttoria, sia al fine di rendere edotti i destinatari dell'attività amministrativa del percorso seguito per giungere alla predetta decisione, sia per consentire al giudice, eventualmente investito della questione, di sindacarne lo svolgimento e l'esito finale (nella fattispecie, la domanda era stata respinta con la sintetica motivazione che l'intervento si configura come demolizione e ricostruzione con ampliamento di cui non viene dimostrata l'ammissibilità urbanistica; non viene inserito nel computo di volumi l'intero fabbricato insistente sul lotto, mancano i parcheggi necessari, l'altezza del primo solaio dei nuovi volumi è insufficientee, senza indicare gli elementi tecnici e fattuali a supporto di tali affermazioni).


Altri risultati nella categoria Urbanistica

Urbanistica

Oneri di urbanizzazione e criterio differenziale

T.A.R. Sicilia, Catania, Sez. II, 09 luglio 2018 n. 1475

Urbanistica

Ascensore e volumi tecnico: esclusi dal computo della volumetria

T.A.R Puglia, Lecce, Sez. I, 13.02.2018 n. 249

Urbanistica

Vincoli conformativi e vincoli preordinati all'esproprio

Consiglio di Stato, Sez. IV, 06.10.2014 n. 4976

Urbanistica

Vincoli conformativi e vincoli espropriativi

Corte di Cassazione, Sez. VI, 5 settembre 2013, n. 20457

Urbanistica

Pianificazione urbanistica e potere ampiamente discrezionale della P.A.

Consiglio Stato, Sez. IV, 24 aprile 2009 n. 2630

Urbanistica

Espropriazione p.u. l'istanza risarcitoria non ha effetti abdicativi

TAR Lazio, Sez. II, 06.11.2012 n. 9052

Urbanistica

Prova del mutamento di destinazione d'uso nel condono edilizio

Consiglio di Stato, Sez. IV, n. 414, del 23 gennaio 2013

Urbanistica

Accesso atti accertativi in materia urbanistica - edilizia

Cons. Stato, sez. VI, n. 547 del 29.01.2013

Urbanistica

Conformazione dei suoli e finalità economico-sociali

Consiglio di Stato, Sez. IV, 10 maggio 2012, n. 2710

Urbanistica

Variante urbanistica e motivazione

Consiglio di Stato, Sez. IV, 26.10.2012, n. 5492

Urbanistica

Occupazione usurpativa - Obbligo risarcitorio della P.A. - Illegittimità delle limitazioni

Corte di Cassazione, Sez. I, 23 agosto 2012 n. 14609

Urbanistica

Verde privato - Vincolo - Impugnazione anche dello strumento di pianificazione generale

Consiglio di Stato, Sez. IV, 18 maggio 2012 n. 2919

Urbanistica

Zona agricola - Interventi ammessi - Casistica

T.A.R. Puglia, Lecce, Sez. III, 16 dicembre 2011 n. 2214

Urbanistica

Vincolo espropriativo e conformativo - Differenze

Consiglio di Stato, Sez. IV, 27 dicembre 2011 n. 6874

Urbanistica

Rifiuto della concessione in sanatoria - Art. 36 d.P.R. n. 380/2001 - Motivazione specifica

T.A.R. Sardegna, Sez. II, 25 novembre 2011 n. 1132