T.A.R. Puglia, Lecce, Sez. III, 16 dicembre 2011 n. 2214

Categoria: Urbanistica

La sentenza in rassegna affronta una problematica molto frequente nella Regione Puglia, ovverosia quella attinente agli interventi assentiti o assentibili in zone agricole, sopratutto laddove si tratti di opere a valenza residenziale.
Il T.A.R. enuncia il principio per cui l'attribuzione di una destinazione agricola a un determinato terreno è volta non tanto e non solo a garantire il suo effettivo utilizzo a scopi agricoli, quanto piuttosto a preservarne le caratteristiche attuali di zona di salvaguardia da ogni possibile nuova edificazione, al di sotto dei limiti fissati specificamente dalla norma di Piano Regolatore Generale, anche in funzione della valenza conservativa di valori naturalistici che ha tale tipo di destinazione di zona. Difatti, in zona agricola debbono ritenersi ammissibili tutte quelle attività integrative, aggiuntive e/o migliorative che non si pongano insanabilmente in contrasto con la zona e con la sua destinazione, essendo quindi necessario operare una valutazione caso per caso relativa a tale compatibilità in concreto.
Alla stregua di tale principio il T.A.R. ha ritenuto che la facoltà di realizzare in zona agricola costruzioni residenziali comunque riferite all'intera azienda agricola, prevista dalle N.T.A. del Comune di Maglie, non dovesse intendersi circoscritta agli imprenditori agricoli o ai coltivatori diretti, bensì anche ai soggetti privi di tale qualifica, purché l'edificazione fosse connessa con l'attività di una azienda agricola ed avvenisse nei limiti di edificabilità previsti dalla relativa normativa.


Altri risultati nella categoria Urbanistica

Urbanistica

Oneri di urbanizzazione e criterio differenziale

T.A.R. Sicilia, Catania, Sez. II, 09 luglio 2018 n. 1475

Urbanistica

Ascensore e volumi tecnico: esclusi dal computo della volumetria

T.A.R Puglia, Lecce, Sez. I, 13.02.2018 n. 249

Urbanistica

Vincoli conformativi e vincoli preordinati all'esproprio

Consiglio di Stato, Sez. IV, 06.10.2014 n. 4976

Urbanistica

Vincoli conformativi e vincoli espropriativi

Corte di Cassazione, Sez. VI, 5 settembre 2013, n. 20457

Urbanistica

Pianificazione urbanistica e potere ampiamente discrezionale della P.A.

Consiglio Stato, Sez. IV, 24 aprile 2009 n. 2630

Urbanistica

Espropriazione p.u. l'istanza risarcitoria non ha effetti abdicativi

TAR Lazio, Sez. II, 06.11.2012 n. 9052

Urbanistica

Prova del mutamento di destinazione d'uso nel condono edilizio

Consiglio di Stato, Sez. IV, n. 414, del 23 gennaio 2013

Urbanistica

Accesso atti accertativi in materia urbanistica - edilizia

Cons. Stato, sez. VI, n. 547 del 29.01.2013

Urbanistica

Conformazione dei suoli e finalità economico-sociali

Consiglio di Stato, Sez. IV, 10 maggio 2012, n. 2710

Urbanistica

Variante urbanistica e motivazione

Consiglio di Stato, Sez. IV, 26.10.2012, n. 5492

Urbanistica

Occupazione usurpativa - Obbligo risarcitorio della P.A. - Illegittimità delle limitazioni

Corte di Cassazione, Sez. I, 23 agosto 2012 n. 14609

Urbanistica

Verde privato - Vincolo - Impugnazione anche dello strumento di pianificazione generale

Consiglio di Stato, Sez. IV, 18 maggio 2012 n. 2919

Urbanistica

Zona agricola - Interventi ammessi - Casistica

T.A.R. Puglia, Lecce, Sez. III, 16 dicembre 2011 n. 2214

Urbanistica

Vincolo espropriativo e conformativo - Differenze

Consiglio di Stato, Sez. IV, 27 dicembre 2011 n. 6874

Urbanistica

Rifiuto della concessione in sanatoria - Art. 36 d.P.R. n. 380/2001 - Motivazione specifica

T.A.R. Sardegna, Sez. II, 25 novembre 2011 n. 1132