Approfondimento dello Studio Legale

Categoria: Attualità

Con l'entrata in vigore del regolamento europeo n. 244/2009, relativo alla progettazione ecocompatibile delle lampade a uso domestico, da domani 1° settembre saranno vietate le tradizionali lampadine alogene.

Il divieto sarebbe dovuto scattare già nel 2016, ma è stato posticipato per ragioni operative.

Ad ogni modo, nel caso di prossimo acquisto di una lampada ai venditori sarà vietata la vendita di lampade alogene (tradizionali); salve le giacenze di magazzino sino ad esaurimento scorte.

Il risparmio energetico da questo divieto viene stimato dall'Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile in 48 TWh di energia elettrica l'anno e di circa 15,2 milioni di tonnellate di C02 sino al 2025 (pari alle emissioni generate da circa due milioni di persone all'anno).

Senza contare, infine, i vantaggi per l'industria, grazie alla creazione di nuovi posti di lavoro e alla protezione dalla concorrenza di bassa qualità e dall'import di prodotti inefficienti.

Il divieto

A ben vedere il divieto non riguarda tutti i prodotti.

Ad essere inibiti dal mercato saranno i classici bulbi di vetro a forma di pera, non direzionali, in classe energetica D, mentre potranno continuare ad essere commercializzate le lampade alogene direzionali (faretti); le lampade alogene con attacco G9 e R7S (quelle usate per le lampade da tavolo e i proiettori).


Altri risultati nella categoria Attualità