Corte di Cassazione, Sez. VI penale, 28 agosto 2012 n. 33319

Categoria: Famiglia

Con la sentenza in rassegna la Suprema Corte conferma la condanna nei confronti dell'imputato il quale, in qualità di padre, aveva fatto mancare i mezzi di sussistenza al figlio minorenne, violando così l'art. 570, comma 2, n. 2, c.p..
Nella specie, l'affermazione di colpevolezza era stata fondata sulla testimonianza della moglie, secondo la quale il marito versava l'assegno di mantenimento soltanto ogni tre o quattro mesi.
La Corte ha accertato, in proposito, che la sentenza impugnata dal condannato desumeva la prova del delitto dalla predetta testimonianza della moglie, secondo cui lo stesso le dava i soldi necessari per il mantenimento del figlio minorenne "quando se lo ricordava, ogni tre o quatto mesi", testimonianza che - prosegue la sentenza - trova riscontro documentale nella discontinuità dei versamenti risultanti dai vaglia postali prodotti dalla difesa.
Sennonchè, dall'esame dei cennati vaglia, puntualmente elencati nella pagina 3 della sentenza impugnata e lealmente riconosciuti dalla denunciante per ricevuti, risulta che, nel periodo contemplato dall'imputazione (dal 2003 al 2005), solo sei mensilità su ventuno non furono pagate.
Purtuttavia, secondo l'imputato l'inadempimento non ebbe l'elevata frequenza denunciata, che, ove si fosse realmente verificata, avrebbe senz'altro compromesso il sostentamento del minore al punto da realizzare la fattispecie penale contestata, ma fu invece saltuario, plausibilmente collegato al tipo di lavoro svolto dai soggetto obbligato (cameriere con contratto a tempo), e quindi tale da non configurare, quanto meno sotto il profilo psicologico, quella consapevole e volontaria sottrazione agli obblighi di somministrazione dei mezzi di sussistenza che costituisce il nucleo essenziale del delitto previsto dal secondo comma dell'art. 570 c.p..
Pertanto la sentenza impugnata viene cassata (il fatto non costituisce reato) per manifesta illogicità della motivazione in quanto il giudice di merito ha valorizzato una testimonianza palesemente contraddetta da risultanze documentali incontrovertibili.


Altri risultati nella categoria Famiglia

Famiglia

Relazione extraconiugale? Addebito se determina la crisi coniugale

Tribunale di Velletri, Sezione 1, 23 aprile 2020

Famiglia

Bigenitorialità ai tempi del coronavirus

Tribunale di Terni, 30 marzo 2020 - Tribunale di Bari 26 marzo 2020

Famiglia

Figli, social e internet: il genitore è responsabile se non vigila correttamente

Tribunale di Caltanissetta, 08 ottobre 2019

Famiglia

Minori e Whatsapp? Devono controllare i genitori

Tribunale di Caltanissetta 08 ottobre 2019

Famiglia

Mancata assistenza economica al figlio - Non é reato se saltuaria

Corte di Cassazione, Sez. VI penale, 28 agosto 2012 n. 33319

Famiglia

Assegno di mantenimento per i figli - Revisione - Effettività solo dalla modifica

Corte di Cassazione, Sez. I, 11 luglio 2012 n. 11648

Famiglia

Dichiarazione giudiziale di paternità - Rifiuto di sottoporsi ad esame ematologico

Corte di Cassazione, Sez. I, 24 luglio 2012 n. 12971

Famiglia

Fecondazione eterologa - Divieto italiano - Legittimità in relazione alla normativa europea

Tribunale di Salerno, Sez. I, Ordinanza 10 luglio 2012

Famiglia

Il coniuge separato, assegnatario della casa, non può opporsi all'esecuzione creditoria

Corte di Cassazione, Sez. III, 19 luglio 2012 n. 12466

Famiglia

Separazione - Assegno di mantenimento - Elargizioni dei familiari all'obbligato - Irrilevanza

Corte di Cassazione, Sez. I, 21 giugno 2012 n. 10380

Famiglia

Convivenza - Compossesso dell'immobile da parte del convivente non proprietario - Mero detentore

Corte di Cassazione, Sez. II, 14 giugno 2012 n. 9786

Famiglia

Separazione e divorzio - Anche i figli maggiorenni possono intervenire nel processo

Corte di Cassazione, Sez. I, 19 marzo 2012 n. 4296

Famiglia

Donazione - Revocazione per sopravvenienza figli - Adozione di maggiore di età - Ammissibilità - Esclusione

Donazione - Revoca - Non revocabile l’atto per sopravvenienza di figli se il donante adotta una persona maggiorenne

Famiglia

Adozione - Sì se nonna e zia sono inadeguate

Corte di Cassazione, Sez. I, 13 aprile 2012 n. 5883