T.A.R. Lazio, Sez. II-quater, 14.03.2016 n. 3177

Categoria: Diritto amministrativo


L’art 21 - nonies della legge n. 241 del 1990 ha codificato il risalente principio giurisprudenziale per cui un provvedimento amministrativo illegittimo può essere annullato d'ufficio, sussistendone le ragioni di interesse pubblico, entro un termine ragionevole e tenendo conto degli interessi dei destinatari e dei controinteressati.
Si tratta, quindi, dell’esercizio di un potere ampiamente discrezionale, rispetto al quale l’amministrazione è tenuta a motivare sulle ragioni di interesse pubblico alla rimozione dell’atto, ciò in particolare quando sia trascorso un lungo lasso temporale dalla sua adozione, come nel caso di specie.
Il provvedimento impugnato ha considerato quale unico presupposto la illegittimità del provvedimento annullato, senza alcuna valutazione né del tempo particolarmente lungo trascorso (quasi quindici anni dal rilascio della concessione edilizia), né dell’interesse pubblico attuale all’esercizio dell’autotutela e all’affidamento del privato, considerato anche che nel frattempo gli immobili sono stati alienati a terzi sulla base della concessione edilizia rilasciata dal Comune.
La giurisprudenza è costante nel ritenere che il provvedimento di autotutela debba essere adeguatamente motivato con riferimento alla sussistenza di un interesse pubblico concreto ed attuale all'annullamento nonché alla valutazione comparativa dell'interesse dei destinatari al mantenimento delle posizioni e dell'affidamento insorto in capo ai medesimi (Consiglio di Stato n. 2468 del 2014; n.2567 del 2012).
In materia edilizia, l’annullamento in autotutela di titoli edilizi illegittimamente rilasciati è considerato in maniera più rigorosa; infatti, in base ad un diffuso orientamento giurisprudenziale, l’annullamento di una concessione edilizia non necessita di una espressa e specifica motivazione sul pubblico interesse, configurandosi questo nell'interesse della collettività al rispetto della disciplina urbanistica (Consiglio di Stato n. 562 del 2015; n. 4982 del 2011; n. 7342 del 2010).


Altri risultati nella categoria Diritto amministrativo

Diritto amministrativo

Silenzio inadempimento: la P.A. ha sempre l'obbligo di provvedere, anche su un'istanza atipica

T.A.R. Puglia-Lecce, Sez. I, 01 ottobre 2019 n. 1521

Diritto amministrativo

Annullamento in autotutela? Va sempre motivato e non è sufficiente il ripristino della legalità violata

Consiglio di Stato, Sez. IV, 18.06.2019 n. 4133

Diritto amministrativo

Scuola: il genitore ha sempre il diritto di accedere agli atti riguardanti il figlio

T.A.R. Lazio, Sez. II bis, 19 giugno 2018 n. 6849

Diritto amministrativo

Il risarcimento dei danni in capo alla Pubblica Amministrazione

Consiglio di Stato, Sez. VI, 06 marzo 2018 n. 1457

Diritto amministrativo

Permesso di costruire: non può essere sottoposto a condizione

Consiglio di Stato, Sez. IV, 19 aprile 2018 n. 2366

Diritto amministrativo

Troppe assenze? L'alunno non va sempre bocciato

T.A.R Puglia, Lecce, Sez. II, 25 maggio 2018 n. 899

Diritto amministrativo

Ritardo nella conclusione del procedimento e danno risarcibile

T.A.R. Campania, Sez. V, 4 luglio 2018 n. 4438

Diritto amministrativo

Accesso agli atti e ruolo del Giudice

T.A.R. Puglia, bari, Sez. III, 29.01.2018 n. 118

Diritto amministrativo

Autorizzazione commerciale e rapporto con la situazione edilizia

T.A.R. Lazio, Roma, Sez. II-ter, 25.09.2015 n. 11401

Diritto amministrativo

Annullamento S.C.I.A. dopo 30 o 60 giorni. Autotutela. Condizioni

T.A.R. Lombardia, Sez. II, 18.02.2016 n. 355

Diritto amministrativo

Annullamento in autotutela dopo anni. Illegittimità

T.A.R. Lazio, Sez. II-quater, 14.03.2016 n. 3177

Diritto amministrativo

Regolamento edilizio. Impugnazione. Tardività

T.A.R Campania, Salerno, Sez. II, 31.08.2016 n. 2037

Diritto amministrativo

Annullamento permesso di costruire, tempo trascorso e procedimento penale per abuso edilizio

T.A.R. Calabria, Sez. I, 17.12.2015 n. 1275

Diritto amministrativo

Annullamento ppermesso di costruire dopo 15 anni. Affidament

T.A.R. Lazio, Sez. II quater, 14 marzo 2016 n. 3177

Diritto amministrativo

Danno da ritardo: deve ritenersi provata la colpa della P.A. che non giustifica le ragioni del ritardo

Consiglio di Stato, Sez. V., 25 marzo 2016, n. 1239

Diritto amministrativo

Istanza del privato: la P.A. ha l'obbligo di rispondere (salvo si tratti di silenzio qualificato)

T.A.R. Lazio, Roma, 4 gennaio 2016, n. 43

Diritto amministrativo

DJ e musica: al bar non serve l’autorizzazione

T.A.R. Puglia, Lecce, 05.11.2015 n. 3171

Diritto amministrativo

Atto d'obbligo ed esecuzione ex art. 2932 c.c.: il diritto della P.A. si prescrive in 10 anni!

Tar Puglia, Bari, Sez. III, 25.02.2015 n. 356